Tutti i grandi sono stati bambini una volta. Ma pochi di essi se ne ricordano. Antoine De Saint-Exupéry da "Il Piccolo Principe"...BENVENUTI!!!

mercoledì 15 giugno 2011

"Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare"

Quest'anno scolastico si avvia alla conclusione...i miei piccoli Alunni frequenteranno a settembre la scuola primaria...vi presento i lavori svolti per il progetto continuità. La storia che è stata scelta come sfondo integratore è  "Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare" di
Luis Sepùlveda,
è una storia bellissima che ha emozionato e fatto riflettere su molti temi...uso una frase del libro per augurare tutto il bene del mondo a loro , bambine e bambini che porterò sempre nel mio cuore ...

“ Ora volerai, Fortunata. Respira. Senti la pioggia. È acqua. Nella tua vita avrai molti motivi per essere felice, uno di questi si chiama acqua, un altro si chiama vento, un altro ancora si chiama sole ed arriva sempre come ricompensa dopo la pioggia. Apri le ali...

... Ora volerai. Il cielo sarà tutto tuo.”              Luis Sepùlveda

Kengac,una giovane gabbiana dalle piume color argento volava felice sul mare del nord...doveva deporre il
suo primo uovo quando la maledizione dei mari...il petrolio... interruppe il suo volo...
Un gatto di nome Zorba , del porto di Amburgo , insieme ai suoi amici , l' aiutò a realizzare il suo desiderio...




                                                        VOLA SOLO CHI OSA FARLO......





giovedì 24 febbraio 2011

BUON CARNEVALE A TUTTI !!!

                                                TUTTI AL CIRCO !!!
                                              LE MASCHERE DELLE STAGIONI...

sabato 22 gennaio 2011

La nascita di Cipì...




Sotto una tegola mamma passera covava tre uova...
  


...sentì un rumore...crì... crì...



...eccoli quì sono nati, sono tre!



...babbo passero procurava il cibo...



...che bello un volo più in alto del campanile,per annunciare al mondo "sono nati, sono tre!"

   


Appena i piccoli cominciarono a volare , scoprivano il mondo intorno a loro...




...un volo sull'alto susino dell'orto dove le api fanno un concertino per i fiorellini di primavera...
 

il nastro d'argento e l'amica Margherì...
 



...attento Cipì nel mondo ci sono i pericoli !!!
Cipì incontra passerì ferita dall'uomo cacciatore...la cura e la salva...
 

Cipì i Passerì si innamorano...


Vita dura in inverno per i passeri...

Passerì diventa mamma...


...l'arcobaleno porta la pace in tutti i cuori...



 

mercoledì 11 agosto 2010

Ecco il nostro librino di Cipì

IMG_0678

Decoupage - Piatto di vetro con foglia oro -

Bisogna incollare un soggetto sul lato posteriore del piatto.
Sfumare con colori acrilici appropriati,asciugare.
Passare la colla per doratura asciugare.
Mettere con cura la foglia oro asciugare
BUON LAVORO!

martedì 13 aprile 2010

Decoupage ,la tecnica dello shabby

Lo scorso anno scolastico ho partecipato ad un corso  di decoupage artistico indetto dalla mia scuola nell'ambito del pon,illustrerò di seguito alcune tecniche che ho appreso ,grazie anche alla mia amica
Elena ,esperto esterno del corso ,che ho rincontrato dopo tanti anni visto che entrambe abbiamo  frequentato l'istituto statale d'arte negli stessi anni essendo coetanee.
                                                            Lo shabby
Bisogna colorare un oggetto di legno con un colore acrilico a scelta (dopo aver dato una prima mano di gesso acrilico diluito con poca acqua) asciugare,passare una candela ,insistendo negli angoli,dare una seconda mano di colore più chiaro e asciugare, passare velocemente la carta vetro sottile sopratutto negli angoli e sui bordi ,avrete così un oggetto dall'aspetto invecchiato.
Ora potete incollare  con colla vinavil il decoro tagliato dalla carta di riso o da un tovagliolo,  quindi ripassare il vinavil e verniciare con finitura trasparente.E' importante asciugare bene ad  ogni passaggio.Buon lavoro!

lunedì 5 aprile 2010

Progetto Cipì

PROGETTO DI ATTIVITA’ EXTRA-CURRICOLARE
PER LA SCUOLA DELL’INFANZIA

                        Scopro il mondo con Cipì

A.S. 2009/2010

Responsabile del progetto: maestra assunta
Premessa
“ Sull’alto susino dell’orto…per Cipì fu facile quel volo ,invece…ai suoi fratelli batteva forte il cuore …Cipi’ volo’ sulla cima della pianta e di là incomincio’ ad esplorare il mondo…”(M.lodi “Cipì”)

Il libro e' uno strumento di gioco, divertimento e conoscenza, è sede di linguaggi cognitivi ed emotivi.
Il racconto di un libro arricchisce il vocabolario e la creatività in un intreccio armonico fra il conoscere, il capire e il fare.
L’ascolto di racconti , la lettura di immagini favorisce la creativita’, stimola la curiosita’ , è mezzo privilegiato per viaggiare nel mondo fantastico in terre lontane e...all'interno di se stessi.
La scelta del libro Cipì , come sfondo integratore per il nostro progetto, non è casuale, infatti Cipì e gli altri personaggi aiuteranno i piccoli “ascoltatori” a riflettere su molti temi quali: il rapporto dell’uomo con il mondo degli animali e con la natura , il ciclo delle stagioni, la famiglia, l’amicizia , la solidarieta’, la lotta per la sopravvivenza, la vita.
Il libro è scritto con un lessico poetico e ricco di metafore, sarà sicuramente bello e costruttivo offrire ai nostri piccoli alunni racconti intrinsechi di poesia, in un tempo in cui i bambini sono attratti da storie di guerrieri e supereroi…
Come Cipì di volo in volo andrà alla scoperta del suo (e del nostro) mondo, così il bambino approfondirà la conoscenza del suo ambiente più prossimo ,ovvero l’ambiente naturale, incominciando a scoprire e conoscere anche luoghi e popoli diversi con la consapevolezza (come dettato dalle indicazioni per il curricolo del 2007- Fioroni ) “…di appartenere alla sua famiglia, alla sua comunità, alla sua scuola.”
Il piacere della scoperta può accompagnare la conoscenza del mondo e delle persone che ci circondano con le loro caratteristiche culturali e sociali.
Questo permette ai bambini di avvicinarsi a situazioni che vanno oltre le loro esperienze più prossime, nello stesso tempo, di conoscere e valorizzare la propria e l’altrui cultura educando alla convivenza e alla conoscenza della realtà .
La diversità culturale diventa cosi un’ opportunità per scoprire e conoscere l’altro , per favorire le relazioni e lo sviluppo di una mentalità aperta, per favorire il pensiero critico .

Motivazione del progetto
“Scopro il mondo con Cipì”
• Educare ai valori del rispetto, dell’appartenenza, della relazione con l’altro e del riconoscimento delle differenze.
• Stimolare l’ indagine della novità e dell’insolito attraverso il racconto e la curiosità per il libro e la lingua scritta.
• Educare al rispetto del mondo naturale.
Obiettivi formativi
 Stimolare la capacità di ascolto e di attenzione
 Esprimere personali opinioni
 Percepire se stesso come parte di una comunità
 Prendere coscienza dell’esistenza di etnie e di culture diverse
 Stimolare il pensiero critico, divergente, creativo -
OBIETTIVI RELATIVI AI
TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE DI RIFERIMENTO
Campo di esperienza: Il se’ e l’altro.
 Sa di avere una storia personale e familiare,conosce le tradizioni della famiglia, della comunità e sviluppa senso di appartenenza.
 Riflette, si confronta, discute con gli adulti e con gli altri bambini.
Campo di esperienza: Linguaggi ,creatività,espressione.
 Si esprime attraverso il disegno, la pittura e le altre attività manipolative e sa utilizzare diverse tecniche espressive.
Campo di esperienza: I discorsi e le parole
 Sviluppa fiducia e motivazione nell’esprimere e comunicare agli altri le proprie emozioni , le proprie domande.
Campo di esperienza: La conoscenza del mondo
 Osserva i fenomeni naturali e gli organismi viventi sulla base di criteri o ipotesi, con attenzione e sistematicità.
 Coglie le trasformazioni stagionali.
RISULTATI ATTESI
Ciascun bambino , nel rispetto dei suoi tempi e modi di apprendimento, dovrà essere in grado di:

 Conoscere i personaggi della storia di Cipì analizzandone con senso critico i
comportamenti e rappresentarli graficamente.

 Ricostruire e rielaborare creativamente la storia di Cipì costruendo il proprio libro con immagini , schede
ATTIVITA’
 Osservazione del mondo naturale
 Conversazioni libere e guidate
 Lettura di immagini - Lettura ed ascolto di racconti – Canti
 Attività grafiche pittoriche e plastiche - Costruzione di librini
 Visita guidata * - Manifestazione finale.
LINEE METODOLOGICHE
 Sfondo motivante : lettura di racconti dal libro “CIPI’” di Mario Lodi (ed.Einaudi)
 Circle-Time
 Brainstorming
 Didattica laboratoriale per la costruzione di librini in piccoli gruppi.
FRUITORI
Bambini di 4 anni della scuola dell’ infanzia
Sez. A n° alunni 24
Sez.B n° alunni 2
Sez. C n° alunni 20 Totale alunni coinvolti 67

OPERATORI
Curatore responsabile del progetto:
maestra assunta :stesura progetto, comparazione materiali, raccolta della documentazione, relazione finale.
TOTALE DOCENTI COI NVOLTI n°6

VERIFICA E VALUTAZIONE
La verifica e la valutazione saranno in itinere attraverso:
 L’osservazione sistematica ed occasionale dei bambini nei vari contesti
 Le dinamiche di gruppo
 Materiale prodotto dai bambini
 La tecnica del Feed-back
 Il confronto costante tra le docenti
 Griglie predisposte
TEMPI E ORGANIZZAZIONE
Il progetto sarà realizzato da gennaio a giugno 2010 in orario curricolare per i bambini ed extra curricolare per le docenti.
MATERIALI
Libro “Cipì “, fogli A4 bianchi e colorati, fogli bristol, carta sottoparati, fogli bristol, matite, tempere, pennelli, scottex, lettore CD, macchina fotografica, computer.
                                                                     maestra assunta

domenica 21 marzo 2010

mercoledì 10 marzo 2010

sabato 30 maggio 2009

venerdì 29 maggio 2009

le buone maestre

  • "FILASTROCCA DELLE BUONE MAESTRE "
  • Maestra insegnami il fiore e il frutto
  • Col tempo ti insegnero' tutto
  • Insegnami fino al profondo del mare
  • Ti insegno fin dove tu impari
  • Insegnami il cielo, piu' su che si puo'
  • Ti insegno fin dove io so
  • E dove non sai ?
  • Da li andiamo insieme
  • Maestra e scolaro , un albero e un seme
  • Insegno ed imparo , insieme perche' io insegno se imparo con te. (B.Tognolini)